I’m not a tourist. I live here

I’m not a tourist. I live here – Turismo e Territorio
di Arnaldo Cecchini

Una cosa che si ripete spesso – con molte ragioni – è che uno dei motori dello sviluppo della Sardegna dovrebbe essere il turismo, una prospettiva così ovvia che apparentemente non ammette controindicazioni.
Eppure come è noto il turismo è un’industria pesante, sotto molti aspetti.
La battaglia che in altre epoche è stata fatta per evitare di “diventare un popolo di camerieri” ha certamente condotto a qualche grosso guaio ambientale, ma in un certo senso aveva un senso ed esprimeva una necessità anche economica; un buon turismo è un turismo in cui ci sono anche buoni camerieri (un mestiere difficile e apprezzabile quello di cameriere), ma che non è una mono-cultura. Un buon turismo è un’attività economica che si integra con altre.
Il turismo “buono”, sostenibile ambientalmente ed economicamente, non si distingue per fascia di reddito, ma per il rapporto che ha con i luoghi. Turismo e territorio sono – come è persino troppo ovvio – intimamente legati, e quindi molte delle politiche turistiche
sono in realtà politiche territoriali.
Ecco perché come professore di urbanistica ho titolo a ragionare sulle politiche turistiche.

 

Scarica il volume

error